Contenuto principale

Ravvedimento operoso

Con il ravvedimento operoso, il contribuente può sanare un ritardo o errore di pagamento di un’imposta, a condizione che effettui il versamento di regolarizzazione in maniera spontanea (senza aver già ricevuto notifica, verfifica o un avviso di accertamento) e nei termini stabiliti.
A seconda dell'intervallo di tempo entro cui si effettua il ravvedimento, infatti, cambierà l'importo delle sanzioni da pagare.

Le principali tipologie di ravvedimento sono:

  • Ravvedimento Sprint: prevede la sanzione pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo fino al 14° giorno dalla scadenza.
  • Ravvedimento Breve: prevede la sanzione pari al 1,5% per i giorni di ritardo dal 15° al 30° dalla scadenza.
  • Ravvedimento Medio: prevede una sanzione del 1,67% per i giorni di ritardo dal 31°  al 90° dalla scadenza.
  • Ravvedimento Lungo: prevede una sanzione del 3,75% per i giorni di ritardo dal 91° entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno di commissione della violazione.

In aggiunta alle sanzioni, dovranno essere calcolati gli interessi computati, con maturazione giornaliera, fino alla data di versamento in sede di ravvedimento, al tasso legale annuo stabilito con Decreto Ministeriale, di seguito riportato:


- 01.01.2018     31.12.2018     0,3 %     D.M. 13 Dicembre 2017
- 01.01.2019      a seguire        0,8 %     D.M. 12 Dicembre 2018

Torna all'inizio